Spesso sottovalutata rispetto alle altre grandi città del Vecchio Continente, Bruxelles, cuore della politica europea, è in realtà una città ricca di fascino, maestosa nelle sue architetture antiche, esuberante quando si parla di arte moderna, piacevole da percorrere a piedi, vivace e ricca di attrattive.

Ecco dunque 50 suggerimenti per non perdersi in questa particolarissima città e scegliere cosa vedere a Bruxelles.

La Grand Place, orgoglio del mondo fiammingo

Bruxelles La Grande PlaceIl primo posto da visitare a Bruxelles è certamente la Grand Place, la piazza più importante e bella della città. Gli antichi palazzi in stile fiammingo, la maestosa torre del municipio, la vivacità di questo luogo, animato di giorno e di notte e protetto dall’Unesco per la sua unicità e il suo fascino, rappresentano il cuore pulsante della capitale belga.

Il fascino gotico del municipio e della Tour Inimitable

Bruxelles Hotel de la VilleA dominare la Grand Place è l’Hôtel de Ville, il municipio di Bruxelles. Cose da vedere nella piazza non ne mancano, ma il fascino gotico di questo splendido palazzo quattrocentesco cattura da subito l’attenzione di tutti i visitatori, che seguono con lo sguardo gli archi e le decorazioni della facciata e dell’imponente Tour Inimitable.

Da casa del pane a palazzo dei duchi: la Maison du Roi

Bruxelles Maison du RoiL’altro importante edificio gotico della Grand Place è la Maison du Roi, un tempo loggia dove si acquistava il pane e poi palazzo di duchi e sovrani, che l’hanno trasformato nella meraviglia architettonica che si può ammirare oggi. Al suo interno si trova il Brussel City Museum, una collezione dedicata all’arte, al folclore e alla storia civile della capitale belga.

Il potere e la ricchezza nelle case delle corporazioni

Arti e mestieri nella Bruxelles medievale e del Cinquecento erano coordinate da ricche organizzazioni dette corporazioni. Le loro sedi, una più bella dell’altra, si susseguono lungo la Grand Place, a testimoniare il potere che un tempo esercitavano sulla città.

La storica piazza rivive con l’Ommengang

La Grand Place è, ogni anno, sede anche di importantissimi eventi, concerti e manifestazioni. Tra queste una delle più amate è l’Ommengang, rievocazione storica che, a luglio, porta i visitatori indietro nel tempo, fino al 1549, con una grande parata e 1400 figuranti che sfilano per ricordare l’arrivo di Carlo V.

Uno spettacolo unico: l’infiorata della Grand Place

Bruxelles La Grande Place InfiorataLa grande passione della capitale belga per i fiori, una volta ogni due anni in occasione della festa dell’Assunzione, prende vita con la grande infiorata della Grand Place, una delle più belle cose da vedere a Bruxelles. Circa 600mila begonie vengono disposte sul pavimento a comporre splendidi disegni che, la sera, vengono illuminati con spettacolari giochi di luci.

Nel cuore di Bruxelles anche i mercatini di Natale

Anche l’atmosfera natalizia diventa unica nella piazza più importante di Bruxelles, sede ogni anno di mercatini ed eventi a tema che partono dalla Grand Place e si allargano animando tutto il cuore del centro storico, tra luci, colori, musiche in un clima suggestivo.

Due passi nel quartiere dell’Îlot Sacré

Bruxelles Îlot SacréCosa vedere a Bruxelles dopo la sua piazza più bella? Anche l’Îlot Sacré, proprio accanto, merita assolutamente una visita. Il suggestivo quartiere storico, abbellito dalle case del Seicento e animato da decine di negozietti, botteghe, caffè storici e locali, offre un’atmosfera davvero indimenticabile.

I negozi e i caffè delle Galeries Royales Saint-Hubert

Chi ama lo shopping invece non deve lasciarsi sfuggire l’occasione di visitare le Galeries Royales Saint-Hubert, le gallerie coperte di inizio Novecento, proprio accanto all’Îlot Sacré, che ospitano negozi, caffè e tante vetrine da ammirare.

Nelle cioccolaterie storiche del centro

Bruxelles CioccolaterieVisitare Bruxelles significa anche entrare in una delle cioccolaterie storiche che si possono trovare nel centro, tanto nella Grand Place quanto nelle viuzze dell’Îlot Sacré. Un vero paradiso per i golosi visto che nella capitale belga praline e cioccolatini sono una vera tradizione.

La birra belga: tradizione e cultura

Oltre che per il cioccolato, Bruxelles è famosa anche per le sue birre artigianali. Più che un prodotto la birra è, per il Belgio, una vera e propria cultura, fatta di locali e pub che, in tutto il centro storico, offrono la possibilità di gustare la prelibata bevanda e apprezzare un’atmosfera unica.

La maestosa piazza della Borsa

Bruxelles BorsaIl viaggio nel centro di Bruxelles prosegue con piazza della Borsa, cuore degli affari della capitale belga proprio a pochi passi dalla Grand Place. Il maestoso palazzo ottocentesco, realizzato per volere di Napoleone, domina la piazza con la sua facciata neoclassica e le colonne che ricordano quelle di un tempio greco.

San Nicola, la chiesa più antica di Bruxelles

Proprio dietro il palazzo della Borsa la chiesa di San Nicola è la più antica di Bruxelles. Sopravvissuta al tempo e ai bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale, con le sue belle architetture gotiche è un vero pezzo di storia della città.

La movida di Bruxelles a Place Saint Gery

Bruxelles Vintage Market di St. GeryChi è alla ricerca di movida e vita notturna a pochi passi dalla Grand Place deve recarsi in Place Saint Gery, dove la struttura del vecchio mercato della carne è stata trasformata in un centro animato ogni sera. Tra locali, aperitivi e musica è il posto migliore per fare festa.

Ironia o eroismo? Il Manneken Pis

Bruxelles Manneken PisTra i luoghi da visitare a Bruxelles, in pieno centro, c’è anche la fontana del Manneken Pis, il “bambino che fa pipì”. Può sembrare ironico ma si tratta di uno dei simboli più famosi della città, e una leggenda vuole che ritragga il bimbo che salvò la capitale belga spegnendo (a modo suo) la miccia di un cannone pronto a fare fuoco.

Le altre statue che fanno pipì: la Jeanneke Pis e Zinneke Pis

La fama del bimbo che fa pipì nella fontana barocca simbolo di Bruxelles è stata, probabilmente, contagiosa visto che in pieno centro si possono ammirare altre due statue simili. La Jeanneke Pis, nell’Îlot Sacré, ritrae una bambina, e non poteva mancare neanche il cane, Zinneke Pis, la più recente delle tre statue, che si trova nei pressi della chiesa di Santa Caterina.

Mont des Arts e i suoi giardini

Bruxelles Mont Des ArtsDopo aver apprezzato il cuore del centro storico è il momento di raggiungere il polo reale di Bruxelles. Per farlo si attraversa Mons des Arts, un moderno quartiere con splendidi giardini, che unisce la zona della Grand Place a quella di Place Royale.

Per i più piccoli il Moof, con gli eroi dei fumetti

Prima di raggiungere la Place Royale merita una visita il Moof, proprio a due passi da Mons des Arts. Si tratta di una curiosa esposizione dedicata alle figurine 3d degli eroi dei fumetti belgi: da Tin Tin ai Puffi, fino ad Asterix e Obelix. Un luogo perfetto per bambini e appassionati.

Place Royale, cuore del potere da secoli

Tra i posti da visitare a Bruxelles la Place Royale è certamente tra i più speciali. Per secoli cuore della vita politica cittadina, ospitava i palazzi reali e oggi, con i suoi eleganti edifici neoclassici, è sede di alcuni dei principali musei della capitale belga.

La storia del Belgio nel Museo Bellevue

Il primo museo che si incontra in Place Royale è il Bellevue, dedicato alla storia del regno, ai suoi sovrani, alla città di Bruxelles e alle vicende che portarono all’indipendenza della nazione. Le sale che ospitano questo interessante allestimento sono quelle del Palazzo Bellevue, un tempo usate per ospitare dignitari e ministri in visita nella città.

Un viaggio nell’arte: il Museo Magritte

Bruxelles Musée MagritteSempre in Place Royale, il Museo Magritte è uno dei più recenti, ma anche dei più apprezzati di Bruxelles. Cosa vedere al suo interno? Le tele del grande maestro del Surrealismo si susseguono nelle sale, in un viaggio unico e irripetibile.

Opere del passato e del presente nei Musei Reali di Belle Arti

Il Museo Magritte è solo una delle numerose gallerie che compongono i Musei Reali di Belle Arti di Bruxelles: luoghi di interesse come l’esposizione di arte antica, quella di arte moderna, il Museo Wiertz e Maunier. Dalla pittura e scultura del passato fino alle più recenti avanguardie, un viaggio tra oltre ventimila opere tutte da ammirare.

Mostre e concerti al Bozar

Alche il Bozar, elegante palazzo art nouveau proprio accanto alla Place Royale, è un centro importantissimo per l’arte belga. Al suo interno si trova uno spazio espositivo perfetto per l’allestimento di grandi mostre internazionali e una sala concerti che ospita eventi tutto l’anno.

Strumenti da tutto il mondo al Mim

Arte non significa soltanto scultura e pittura. Nella Place Royale si trova infatti anche il Mim, il museo degli strumenti musicali di Bruxelles. Si tratta di una collezione imperdibile che, con oltre settemila pezzi, racconta la storia della musica attraverso strumenti antichissimi e di grande valore.

Fascino e purezza neoclassica: Saint Jacques de Coudenberg

L’elegante facciata della chiesa di Saint Jacques de Coudenberg è forse il tratto più caratteristico della Place Royale. L’edificio sacro, durante la rivoluzione, venne trasformato in tempio della ragione e della legge e oggi, restituito al culto, è una delle più belle chiese neoclassiche del Belgio.

Nei sotterranei di Palazzo Coudenberg

Il nome Place Royale non è casuale: dove oggi si trovano i palazzi dell’Ottocento un tempo si trovava Palazzo Coudenberg, l’antico castello dei sovrani belgi. Ancora oggi è possibile ammirare la cappella medievale dell’antica reggia e le sue cantine accedendo dai sotterranei, ancora conservati.

Il maestoso Palazzo Reale e le sue ricche sale

Bruxelles Palazzo RealeA pochi passi da Place Royale si trova il Palazzo Reale, la maestosa residenza dei sovrani del Belgio, costruita per sostituire Palazzo Coudenberg e ancora oggi usata dal re e dalla regina per le cerimonie ufficiali. In estate la reggia apre le porte ai visitatori, che possono entrare nelle sue meravigliose sale.

Una passeggiata nel Parc de Bruxelles

Cosa vedere a Bruxelles dopo il Palazzo Reale? Basta allontanarsi dalla reggia per scoprire la più grande area verde della città, il Parc de Bruxelles. Tra incantevoli giardini, statue e fontane è un piacere passeggiare nei vialetti in attesa della sera, quando il parco ospita concerti, festival ed eventi.

Palais de la Nation, Parlamento del Belgio

Il Parc de Bruxelles termina, dal lato opposto rispetto al Palazzo Reale, con un altro dei luoghi simbolo per il potere del regno: il Palais de la Nation. Si tratta della sede del Parlamento Belga, che nell’austero palazzo neoclassico si riunisce per discutere le sorti della nazione.

Sotto le volte gotiche della cattedrale di San Michele

Una volta raggiunto il Parlamento, cosa resta da vedere a Bruxelles? Posti da visitare non ne mancano visto che poco lontano si trova la cattedrale di San Michele e Santa Gudula, un edificio imponente in stile gotico, con grandi vetrate, alte volte e due maestosi torri che si innalzano lungo la facciata.

Alla scoperta del quartiere Sablon

Visitato il centro di Bruxelles e la zona di Palazzo Reale, sono molte le possibilità per chi vuole apprezzare appieno la capitale belga. Il quartiere Sablon, ad esempio, è una delle sue zone più suggestive e vivaci, resa celebre anche dai mercatini di antiquariato e dalla presenza di alcune delle più famose pasticcerie storiche della città.

Notre Dame du Sablon: una piccola cattedrale

La chiesa più bella del quartiere Sablon è quella di Notre Dame, che per stile e architettura ricorda tantissimo la maestosa cattedrale di San Michele, solo più piccola. Affascinante e suggestiva, le sue vetrate illuminano la navata centrale di questa meraviglia del Medioevo belga.

Collezionisti e appassionati ai mercatini di Sablon

La domenica Sablon si anima con uno dei più importati mercatini delle pulci del Belgio. Antiquari e collezionisti espongono mobili antichi, oggetti del passato, libri, dipinti e perfino fumetti. Il luogo perfetto per apprezzare una delle atmosfere più pittoresche della città.

Place Sainte-Catherine, una piazza per buongustai

Nel centro di Bruxelles si trova anche Place Sainte-Catherine. Molto meno famosa delle grandi piazze turistiche, è in realtà uno degli angoli più autentici della città, animato a tutte le ore e ricco di locali e ristoranti, soprattutto di pesce. Una tappa imperdibile per i buongustai.

Begijnhof: le case e il Museo delle Beghine

Nel cuore della città si trova anche l’antico complesso di Begijnhof, gestito per secoli da religiose e nato per ospitare donne vedove e sole. Ancora oggi le suore benedettine lo abitano e permettono ai visitatori di esplorare le case e il Museo delle Beghine, dedicato alla storia del quartiere.

Una visita al Parlamento Europeo

Bruxelles Parlamento Europeo Veduta AereaTra le cose da vedere a Bruxelles, una volta concluso il giro del centro e dei suoi quartieri, non deve mancare il Parlamento Europeo, anima di una capitale che è oggi al centro delle dinamiche politiche di tutto il Vecchio Continente. Il Parlamento si trova nel quartiere Leopold, proprio accanto alla stazione.

Alla scoperta del Parco di Laeken

Dopo aver visto il cuore della città, è il momento di raggiungere la periferia e il piacevole Parco di Laeken, polmone verde di Bruxelles. Luoghi da visitare, oltre all’Atomium, simbolo della città, non me mancano: dai giardini alla Mini Europa, fino il Castello di Laeken e le sue serre reali.

Cosa vedere a Bruxelles se non l’Atomium

Bruxelles AtomiumSimbolo della città, l’Atomium è un’avveniristica struttura in acciaio che riproduce una molecola di ferro, ingrandita 165 miliardi di volte. Alto oltre 100 metri, all’interno delle nove sfere che lo compongono si possono trovare mostre permanenti e temporanee, mentre la sfera più alta offre una vista unica.

Un viaggio nell’Europa in miniatura

Accanto all’Atomium si trova un parco piacevolissimo da percorrere sia per i bambini che per i grandi: la Mini Europa. Oltre 350 monumenti provenienti da 80 delle città più belle dell’Unione Europea sono riprodotti in scala, per un viaggio divertente e istruttivo tra le bellezze del continente.

Il Castello di Laeken, dimora dei re del Belgio

Se il Palazzo Reale è ormai utilizzato per le cerimonie e le occasioni importanti, il Castello di Laeken, al centro del parco, è oggi la residenza ufficiale dei sovrani del Belgio. Il palazzo fu realizzato da Leopoldo II, che volle trasferire la propria corte nel verde dei suoi grandi giardini.

Le ottocentesche serre di Laeken

Nel cuore dei giardini del castello si possono ammirare sette grandi serre di fine Ottocento, realizzate in stile art nouveau, capolavori del passato ancora oggi utilizzati per conservare le specie più rare e le piante più delicate, in un percorso aperto al pubblico tra fine aprile e inizio maggio.

Le locomotive del passato a Train World

Non lontano da Laeken si trova Train World, un museo ferroviario allestito all’interno della stazione di Schaarbeek, la più antica di Bruxelles. È il luogo perfetto da visitare tanto per gli appassionati quanto per i bambini, che possono ammirare antiche locomotive e vagoni storici, restituiti al loro fascino unico dopo attenti restauri.

Musei e storia al Parco del Cinquantenario

Bruxelles Parco CinquantenarioDopo il Parco di Laeken, tra i luoghi da visitare a Bruxelles non deve mancare il Parco del Cinquantenario, realizzato in occasione dell’Esposizione Universale del 1880 e oggi meta perfetta per una piacevole gita fuori dal centro. L’arco di trionfo ricorda i cinquant’anni dall’indipendenza del Belgio mentre gli edifici circostanti ospitano musei, mostre ed eventi.

Aerei e mezzi del passato al Museo delle Forze Armate

Il primo museo da visitare al Parco del Cinquantenario è quello dedicato alle forze armate, con aerei e mezzi militari del passato in un ampio padiglione. L’area del parco, infatti, un tempo era una spianata utilizzata dai soldati per le proprie esercitazioni.

Reperti e testimonianze da terre lontane al Museo d’Arte del Cinquantenario

Accanto al Museo delle Forze Armate, quello d’arte offre la possibilità di ammirare una vasta raccolta di reperti e oggetti artistici dell’antichità: manufatti del periodo merovingio, ma anche oggetti provenienti dalla Cina, dall’Egitto, dalla Grecia e dall’antica Roma.

Le macchine più belle ad Autoworld

Infine l’ultimo padiglione del parco è dedicato ad Autoworld, una grande mostra con 350 automobili dal XIX secolo agli Anni Settanta. Tra le vetture più belle anche le limousine appartenute alla famiglia reale belga e decine di storici marchi del passato.

Il Sacro Cuore, la chiesa più grande di Bruxelles

La basilica del Sacro Cuore, a Koekelberg, nella periferia di Bruxelles, può essere la meta di un’altra piacevole gita fuori porta per chi ha già visitato il cuore della città. Si tratta della sesta chiesa più grande al mondo, la maggiore nella capitale, gioiello dello stile art decò del XX secolo.

Un tour curioso tra i murales a fumetti

Chi vuole apprezzare Bruxelles da un punto di vista insolito può decidere di visitare la città a caccia di fumetti. Moltissimi palazzi, del centro e non solo, sono infatti decorati con caratteristici murales che ritraggono i Puffi, Lucky Luke, Tin Tin e tutti i personaggi più celebri dei disegnatori belgi.

La storia di un’arte unica al Centro Belga del Fumetto

Chi non ha tempo di percorrere in lungo e in largo la capitale alla ricerca dei murales con i propri personaggi preferiti può comunque visitare il Centro Belga del Fumetto, vero tempio dedicato a quest’arte. Mostre, esposizioni permanenti, una ricca fumettoteca e una collezione di oltre venticinquemila volumi raccontano la storia dei disegnatori più famosi e delle loro creazioni.

Il meglio dello shopping in Rue Neuve

Come tutte le grandi città anche a Bruxelles non può mancare una via dedicata alle boutique più rinomate e ai grandi marchi dello shopping. Chi visita la capitale e ha voglia di girare per negozi deve solo recarsi in Rue Neuve, e troverà tante vetrine tra cui scegliere i capi più belli.

Una capitale vivace che non delude mai

Bruxelles VedutaChi si chiede cosa vedere a Bruxelles non può non trovare risposta. Anche se non possiede la fama delle grandi capitali europee del turismo, la città belga stupisce con la sua autenticità, fatta di atmosfere uniche, locali e prodotti d’eccellenza, arte e storia che, se vissute appieno, non possono che lasciare un bellissimo ricordo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here