Please wait

VENETO STATO: UNITI SI VINCE

di CARLO MELINA

268 a 56. Non bastano le cifre a dirimere la contesa fra il Veneto Stato che vuole Antonio Guadagnini segretario e quello che riconosce come tale il professore di economia Lodovico Pizzati. Eppure le cifre contano. Oggi a Vicenza sono stati tanti, tantissimi i soci iscritti che hanno votato l’ex guida del movimento dei sindaci come segretario, in un congresso non riconosciuto dall’ala che ha rivendicato la leadership di Pizzati, durante una precedente assemblea svoltasi a Venezia, prima di Natale, alla presenza di soli (non me ne vogliano, ma sono una minoranza) 58 soci.

Per dovere di cronaca e rispetto della verità occorre ricordare che, prima del plebiscito di oggi, lo stesso Pizzati aveva radunato, qualche giorno fa, una nutritissima folla di simpatizzanti a Canizzano di Treviso (il numero degli iscritti presenti non è tuttavia pervenuto), nonostante il sottofondo polemico dei fedelissimi di Guadagnini, che hanno sollevato sospetti circa un oscuro patto fra il prof di economia e ambienti del PDL, che lo favorirebbero in chiave anti-leghista.

Sospetti che tali rimangono fino a prova contraria, ma che non possono nascondere un fatto, indubitabilmente più rilevante: il fatto è che a Vicenza, con Guadagnini, oltre a 268 soci votanti, c’erano imprenditori della LIFE, esponenti del Serenissimo Governo Veneto, della Milizia Veneta e di Unione Nordest, iscritti a Raixe Venete, giovani del movimento socialista Unità popolare veneta e una torma di curiosi. Ciascuno con proprie convinzioni e auspici in quanto al futuro di uno stato veneto, ma, finalmente, tutti insieme. A Guadagnini e ai suoi, benché in gran parte dei principianti della politica, deve essere riconosciuto il merito di aver finalmente catalizzato le diverse voci della protesta indipendentista sul fronte veneto. Un fronte che non può e non deve essere diviso. Un fronte che secondo l’opinione di chi scrive dovrebbe sempre lavorare in concerto, realizzando iniziative di propaganda e protesta comuni, pur salvaguardando le proprie specificità, anche politiche, comunque unito sotto un’unica bandiera, quella che fu e che sarà della Serenissima Repubblica di San Marco.

Non c’è tempo per dispute personalistiche che non interessano a nessuno, se non a chi vuole, per motivi secondari, distinguersi e ritagliarsi posizioni di comando all’interno di gruppi che, considerati singolarmente, non avranno mai rilevanza di alcun tipo.
Da Vicenza si alza un grido: bisogna lavorare insieme, e insieme portare la nostra causa all’attenzione del distratto e abulico popolo veneto, che troppo volentieri si accoda per saldare il dazio, che secondo un’odiosa consuetudine sconta il disprezzo di politici e intellettuali, meglio, di figuranti avvolti in un tricolore che non ci appartiene. Il nemico è troppo forte e attrezzato perché si lasci spazio a polemiche. Avanti tutti insieme allora, socialisti con liberali, imprenditori con operai. La proposta è interessante e soprattutto vincente: chi si rifiuterà, sarà considerato nemico della causa. Su questo non potranno esserci dubbi.

Si sveglino i veneti, ma, soprattutto, si svegli chi ha responsabilità di comando all’interno di ciascun gruppo, movimento o partito, che come tale si sia costituito. Si raccolgano folle, si vada insieme a Venezia, davanti alla sede della Regione: se è vero quello che dice il sondaggio commissionato da Pizzati, ossia che il 53% dei veneti sarebbe per l’indipendenza, si chieda al governatore Zaia di permettere al popolo di esprimersi a proposito. E quanto alla disputa su chi sia in effetti il leader di Veneto Stato, credo che, visti i numeri, qualcuno dovrebbe fare un passo indietro. O quantomeno accettare un compromesso, perché il dibattito non si risolva davanti a un giudice italiano, cioè a un nemico. Lo dico sia ai fedelissimi di Pizzati (che è troppo intelligente per considerare 268 soci del suo partito come degli avversari), che agli iscritti vicini a Guadagnini: dovete lavorare insieme.

Che Veneto Stato diventi una federazione di sigle indipendentiste, ciascuna anche in competizione, purché la competizione sia leale. Ben vengano gruppi liberisti, da una parte, e comunitari dall’altra. Ma si chiuda la stagione dello scontro, degli attacchi personali. Uomini e donne venete sono morti per difendere San Marco, altri hanno sacrificato la loro vita, finendo in galera (penso ai Serenissimi), mentre oggi, vittime più che eroi, altri si danni la morte dentro a capannoni dove una volta si lavorava. Per quanto comprensibili e giustificabili a livello personale, le resistenze di ciascuno a un progetto veramente unitario finiscono per essere nocive per la causa. Si vada oltre, tutti. E, se qualcuno vorrà restare indietro, sia lasciato nell’indifferenza. Dove sguazza chi non sa riconoscere priorità che non siano relative alla propria affermazione.

Print Friendly


Nella stessa sezione:

42 Responses to “VENETO STATO: UNITI SI VINCE” Subscribe

  1. Gabriele PERUCCA 3 Febbraio 2012 at 8:28 am #

    Per ottenere che il Veneto riacquisti i suoi diritti usurpati dall’invasione di uno stato straniero (l’Italia) ci sono varie vie praticabili pero credo che la via “politica” proposta da Veneto Stato sia quella meno plausibile in quanto presuppone il riconoscimento delle istituzioni italiane e il riconoscimento da parte dell’Italia di tale diritto del popolo Veneto, cosa alquanto ardua…comunque e’ una via da percorrere e da rispettare. Reputo che fino a che tutti i movimenti venetisti non si uniranno sotto un unico grande contenitore culturale e di rivendicazione (pur continuando il loro cammino intrapreso) come il Movimento di LIberazione del Popolo Veneto non riusciremo mai a liberare la nostra amata terra dall’invasore. W SAN MARCO
    Gabriele Perucca
    PATRIOTA VENETO

    • Giuliano 5 Febbraio 2012 at 2:44 pm #

      Il fatto è che Veneto Stato attualmente è l’unico a muoversi in modo tangibile a parte le divisioni interne si fanno anche manifestazioni contro istituzioni e politici italioti(Guadagnini DEVE spiegarci QUI ORA perchè si è opposto dando dei mafiosi ai manifestanti contro il politigo della lega)gli altri movimenti qui rappresentati che non riconoscono le istituzioni italiane e che affermano che la repubblica di Venezia esiste ancora attirano molto la mia attenzione ma non dicono e non fanno nulla di concreto per portarci presto fuori da questa occupazione!Se ci fossero azioni concrete e da intraprendere subito molti Veneti sarebbero pronti,per cui basta teoria,serve pratica e nel frattempo non freniamo chi sta cercando di far qualcosa che giusti o sbagliato si vedrà ma che sicuramente sta risvegliando l’idea di patria Veneta nei Veneti e questo è un ottimo punto di partenza.Se poi il referendum verrà negato a decine o centinaia di migliaia di Veneti firmatari della petizione,questo sarà un altro affronto che ci farà ancor più incazzare ed unire.Un popolo unito e disposto alla battaglia ottiene quello che vuole,avanti con tutte le strade e le idee possibili!

  2. Giuliano 26 Gennaio 2012 at 8:50 pm #

    Veneto Stato è diventato partito per partecipare alle regionali e vincendole proclamare il referendum per l’indipendenza.Se tutti noi andassimo a firmare la petizione per chiedere subito a Zaia il referendum sarebbe l’attuale governatore costretto a portarci al voto,una volta ottenuta l’indipendenza in questo modo a Veneto Stato non verrebbe nessuna poltrona e come partito non avrebbe più senso di esistere.Andiamo a firmare!

  3. URAGA 25 Gennaio 2012 at 9:05 pm #

    A giudicare da tutti questi commenti l unica certezza e che il veneto e i veneti non otteranno mai niente perche ? Semplicemente perche non hanno le palle e non sono uniti.
    Questa e la verita!
    L unica volta che sono usciti tutti in strada tutti insieme e non hanno lavorato..e stato oggi mercoledi 25 gennaio 2012…ma dopo che ci sono state tre scosse di terremoti e l ha ordinato il sindaco!
    E qualquno…stava ancora lavorando….

  4. lidia 24 Gennaio 2012 at 8:36 pm #

    Un saluto a tutti, mamma mia….! vi ho letto tutti e man mano ero sempre più sconcertata su quello che avete scritto… chi convinto di una cosa chi di un’altra … pensieri diversi ( come è normale che sia ) e discorsi più o meno positivi. Alla fine della pagina mi è venuta in mente una vecchia storiella che tanti ma tanti anni fà mi raccontarono, era la storia delle due rane.
    C’erano una volta due rane amiche, solo che una aveva studiato e si era diplomata geometra l’altra rimase ferma alla scuola dell’obbligo. Un giorno girovagando caddero in un profondo pozzo e anche per loro abituate a saltare era troppo profondo per poterne uscire … così la rana geometra cominciò a fare calcoli , esaminando tutte le possibilità per uscire ma disse all’amica che dovevano arrendersi perchè era matematicamente impossibile poter uscire da quell’altezza, l’amica che non sapeva calcolare gli spazi , contìnuava a saltare senza mai arrendersi e ormai alla fine delle proprie forze riuscì disperatamente a fare l’ultimo salto che la fece uscire, purtroppo per l’amica geometra non c’è stato niente da fare , morì senza tentare.
    Signori con tutto il rispetto per ognuno di voi, io voglio essere come la rana che non sapeva calcolare ma sapeva quello che desiderava e ci ha provato con tutte le sue forze. Sono anche convinta che Veneto Stato di Guadagnini e Chiavegato sia la strada da percorrere… nemmeno noi abbiamo o aspiriamo a careghe , ci aiutiamo con i nostri soldi e non aspiriamo a nientaltro al di fuori del Veneto , è una impresa ardua lo riconosco ma non impossibile. W.S.M.

  5. ernesto peschiuta 23 Gennaio 2012 at 12:53 pm #

    Carlo Melina non poteva essere piu’ esaustivo. Concordo la sua analisi. Ora è tempo che nasca una CONFEDERATHION VENETA PER L’INDIPENDENSA, in cui tutte le REALTA’ POLITICHE ne facciano parte, con uguale senso di responsabilità. Parola d’ordine: basta baruffe, basta edonismi, fine degli egoismi, ma INSIEME PER L’UNICO SCOPO CHE CI TIENE UNITI.

    • SERGIO BORTOTTO 23 Gennaio 2012 at 1:31 pm #

      ma finitela con sta tiritera de partiti politici… è sempre la solita minestra. NO PARTITI, NO A VENETO STATO.

      • floriano 24 Gennaio 2012 at 11:58 pm #

        PAGA E TASI ITAGLIAN

  6. Fudo della montagna 23 Gennaio 2012 at 12:35 pm #

    Venturato fa parte del cerchio magico pizzatiano. Ovvio che parli in questi termini. Chiedetegli perche’ fu espulso e poi indagate su certi suoi atti che lo hanno portato all’ espulsione. Se innocente come nostro Signore Gesu’ Cristo facciamolo martire.

  7. Stefano Venturato 23 Gennaio 2012 at 11:19 am #

    Piuttosto che co i buxiari… Emigro all’estero ! Chi che laora co e idee altrui resta sempre un incapace ! Mi posso parlare da ” espulso” da un partito che gó fondà perchè quello era il disegno di qualcuno… Espellere quelli che ” disturbavano” … Quelli non allineati ! Fe chel casso che voj…magneve leon tuti i dì… Sempre piegore restarì !

    • SERGIO BORTOTTO 23 Gennaio 2012 at 1:06 pm #

      Ma guarda un pò da che pulpito arriva la predica… da esponenti di quel PNV che prima ancora di sapere la verità sulla Polizia Nazionale Veneta ci avevate espulsi dal PNV senza neppure parlarci e/o consultarci,, senza neppure mettere in forse la versione dei falsi e mendaci inquirenti italliani… e lo avete fatto con tanto di gratuite offese e da emeriti vigliacchi prendendo le distanze dagli inquisiti e applaudendo alla falsa operazione della digos italiota… o avete gia dimenticato??? Vergognatevi, ben conosciamo i vostri “appetiti politici”… careghe e ancora careghe, altro che indipendenza… rinfrescati la memoria:
      http://www.mlnv.org/main/?p=3748 , Sergio Bortotto Presidente del MLNV anche a nome del Dott.Paolo Gallina Vice Presidente del MLNV, entrambi cofondatori del PNV, tanto perchè tu lo rammenta.

    • albert 23 Gennaio 2012 at 3:43 pm #

      Moeghela de barufar! ma ve rendio conto? tuti i tien parl veneto ma tuti voe aver razon! el compromesso no savì gnanca cossa chel sia! almanco moeghea de dire che ve interessa del Veneto…..

      • SERGIO BORTOTTO 23 Gennaio 2012 at 5:55 pm #

        Caro Albert, non esiste alcun compromesso da fare… e poi perchè gli altri dovrebbero smettere di parlare e lasciare il posto solo alle tue fesserie? che pretesa.

    • floriano 25 Gennaio 2012 at 12:00 am #

      MOEGHEA BASTA

  8. Veneto Serenissimo Governo 23 Gennaio 2012 at 11:06 am #

    Faccio presente che non era presente nessun esponente del Veneto Serenissimo Governo il quale nulla ha a che fare con tale “Veneto Stato”.

    • SERGIO BORTOTTO 23 Gennaio 2012 at 12:55 pm #

      una notizia davvero rassicurante anche per noi del MLNV, grazie. Sergio Bortotto Presidente del MLNV.

    • albert 23 Gennaio 2012 at 3:39 pm #

      A voialtri si quei 4 gati che sta longaron? che comprà tochi de tera pa fare a veneta repubblica? cari….

      • SERGIO BORTOTTO 23 Gennaio 2012 at 5:43 pm #

        Chissà come mai tanto veleno contro chi non la pensa come te e non condivide il percorso del partito italiano Veneto Stato… più ti si legge e più sembra proprio di aver a che fare con un italiano a tutti gli effetti (o italoveneto)… se tu volessi fare un favore a Veneto Stato dovresti almeno stare zitto, perchè stati mettendo seriamente a rischio quel poco di simpatia che altri militanti sicuramente meritano per l’impegno che ci mettono.

      • Veneto Serenissimo Governo 31 Gennaio 2012 at 10:12 am #

        ma questo albert che cosa ha da dire? cosa fa per l’indipendenza?
        Fa anche lo spiritoso…non penso sia andato lui a liberare piazza San Marco dall’occupante italiano nel 1997.

  9. El Giambrandero 23 Gennaio 2012 at 12:05 am #

    E’ bene anche rammentare come Guadagnini
    ha reagito all’episodio della manifestazione anticasta rivolta all’on. Dozzo della Lega a Quinto di Treviso. Quei riferimenti a comportamenti mafiosi presso i fedelissimi di Pizzati (e non solo) hanno sollevato sospetti di un oscuro accordo tra Guadagnini e ambienti della Lega atti ad affossare la causa indipendentista.

  10. SERGIO BORTOTTO 22 Gennaio 2012 at 11:52 pm #

    La verità è che “Veneto Stato” è un partito italiano perchè concorre a elezioni italiane per essere votati in istituzioni straniere occupanti italiane e lo fa “sfruttando” la causa indipendentista anche sapendo che non potrà mai ottenere il ripsristino della sovranità del Popolo Veneto sulle proprie terre attraverso un referendum… questa è pura demagogia e significa prendere in giro il Popolo Veneto.

    Nessun partito politico che concorre a elezioni straniere italiane potrà mai ridare l’indipendenza al Popolo Veneto.

    Il percorso referendario proposto da “Veneto Stato” contrasta con la condizione giuridica attuale in cui versa la nostra Patria.

    Il Popolo Veneto ha perso la propria sovranità a causa di una ripetuta occupazione straniera a seguito di un’invasione e quindi a causa di una forza maggiore.

    Sul piano del diritto internazionale, l’avvenuta invasione e la conseguente dominazione di uno stato straniero non trova giustificazione alcuna per legittimare anche la presenza odierna dello stato occupante italiano.

    Pertanto, come può un Veneto ambire a ricorprire cariche istituzionali nell’ambito dello stato straniero occupante italiano?

    E inoltre… in virtù di quale principio giurisprudenziale e del diritto il Popolo Veneto dovrebbe chiedere allo stato straniero italiano di concedergli una sovranità che è già sua?

    Nella definizione del politologo americano Anthony Downs il partito politico è «una compagine di persone che cercano di ottenere il controllo dell’apparato governativo a seguito di regolari elezioni».
    La strategia principale è l’occupazione di cariche elettive.

    Noi del MLNV, ovviamente, non crediamo nella “strategia” dei partiti politici e anche laddove un partito così detto indipendentista riuscisse a controllare l’apparato governativo, anche solo di una parte del territorio, avrebbe raggiunto tale posizione di potere con le regole dettate dallo stato straniero occupante e ad esse sarebbe pertanto assoggettato.

    In virtù di quelle stesse regole, per le quali il partito politico “Veneto Stato” ha accettato la competezione elettorale, non può poi violarne i principi costituzionali… e nello stato straniero occupante italiano non vi sono norme che prevedono alcuna possibilità di dichiarare indipendente una parte di territorio.

    Vale anche la pena ricordare che il partito italiano “Veneto Stato” concorre a elezioni amministrative in un ambito territoriale che solo parzialmente corrisponde ai territori della Repubblica Veneta, perchè la Patria Veneta non è la “Regione Veneto” di italica istituzione… e questo dev’essere chiaro una volta per tutte.

    • albert 23 Gennaio 2012 at 1:13 am #

      Cio beo agiorante che a Serenissima no esiste altro:….

      ti cossa vorissito far? a guera?
      almanco iori i prova ad aver consenso voialtri chi xe che ve conosse?

      • luigi bandiera 23 Gennaio 2012 at 2:29 am #

        Albert, kalma…

        Forse te te si sveja’ mal e dae parte sbaliada. Ai venethi ghe kapita speso.

        Ea storia beoria ke i “insegna” a skoea taliana xe FALSA. Te sa no, i ga da far taliani o talibani. Quindi i ghea konta…

        Xe vero che ea serenisima republika venetha xe finia.

        MA NEA TESTA DE I VENETHI..!! I GHEA GA’ SSKANCEADA..!

        I GHE GA TALMENTE RASSCIA’ EL SARVEL KE I KREDE KE TUTO SIA TRIKOGLIONIO..!

        Mi o go dito pi olte: dimande’ par strada, par esenpio a veneti ke save’ de seguro ke i xe de rasa piave o brenta o quel ke voi’ ma venethi, se i xe veneti o taliani.

        Se i sa de esar apartegnenti al popoeo venetho. No soeo ai mone, ma anka ai inparai o alorai.
        I ve dira’ che i xe taliani e no pi’ venethi. El popoeo venetho..?? I se mete a ridarte in facia.

        L’OLOKAUSTO DEI VENETHI XE SKUAXI FINIO..!!

        Altro ke BAE DE MUSO…

        E tra EL BAEON, E TRA EL GRAN BRANDEO O FRADEO, E TRA EA KOSTA E TANTE ALTRE STORIE, I LAVA SARVEI A RAFIKA… A MANETA..!!!

        Go senpre predika’ ke nialtri VENETHI ghemo un nemigo perikoeoxisimo: I VENETI.

        Proprio ori… quei TALIANIXAI..!

        I PI FETENTI E TRADITORI XE PROPRIO ORI..!
        E ko i veneti se mete in testa na roba i xe kome MUI. (muli).

        E I MUI KE KAX FAI..??
        I PORTA PEXI ENORMI… I VA SU E XO PAR PARETI DE MONTAGNA KO STI PEXI…

        NO GHE REXISTE NESUN ANIMAE..!

        SE TE TENTI DE FARGHE KAMBIAR IDEA NO GHE XE SANTI. I MOEA PEAE A RAFIKA..!

        BESTIE BRAE SOEO A SFADEGAR.

        Cio’, l’incrocio xe sta fato a posta…pa ver un animae de laoro e basta.

        I latini lo ga savesto e i li ga ben doparai… ko i gavea l’inpero roman grando.

        Infati i venethi no xe stai soto l’inpero, i ga kolabora’ pasifikamente ma laorando kome mui.

        Qua ghe xe ea strada POSTIMIA… i la dixe romana…
        Ma ke kax de romana… a xe venetha e fata da i VENETHI..!! Ma fa KUUULTURA dir monae…

        Beh, i mui no se ribea squaxi mai parke’ i pensa soeo de portar pexo e o sfadegar.

        Par fin e multi naxionai ga visto ke i venethi gavea sta karateristega o indoe o DNA tipo mui. Kax, infati e frabrike xe piovue e tante in tera de i venethi.
        Mia e xe pioveste da naltra banda..?

        Ghe go dimanda’ a un dirijente de na multi naxionae… mi go laora’ in una de ore… kome ke i selie el posto, e ju’ me ga dito: normalmente parte na squadra in kao o avanskoperta par studiar el posto, ea xente e tante altre menae.

        El posto come ndoe vive i venethi XE OTIMO PA STI INSEDIAMENTI..!!

        Quindi..??

        I ga’ visto ke i venethi xe MUI e i pensa SOEO A LAORAR e…

        Quindi..??

        PRIMI SUL LAORAR MA ULTIMI SUL POIDEGAR..!!

        E SI VEDE E SI SENTE..!! DAE FABRIKE KE XE PIOVUE..!

        Va ben, deso xe krixi… ma parke’ forse kosta tanto vivar in talia e tuti vol na paga bona… deso podopop ko ste tase da pagar in pi’…
        O se roba o se ciapa i FORKONI…

        Contento..??

        Amen

      • SERGIO BORTOTTO 23 Gennaio 2012 at 1:33 pm #

        mejo che te te agiorni ti che la Republica Veneta esiste anca masa.

        • albert 23 Gennaio 2012 at 3:42 pm #

          Ma come fasio sostenere che legalmente a veneta repubblica e le so istitussion le xe oncora legali? ma secondo voialtri nea storia i ga fato sempre e robe co a legalità? i se ne ciava dea legalità! e po le istitussion le xe cambiae a no te vore mia dirme che ghemo da far su e istitussion de Venesia uncuo? ragassi rajonè a me pare che pa voialtri a sia un zugo…

          ma voiatri no si quei dea polisia veneta? eco co sti metodi gavi voja de convinsare a zente ….

          • SERGIO BORTOTTO 23 Gennaio 2012 at 5:36 pm #

            La Repubblica Veneta non ha mai cessato di esistere e questo non lo diciamo noi ma il diritto internazonale, se poi vogliamo correre dietro ai partiti per accapparrarci qualche poltrona politica, tutte le ragioni del mondo non basterebbero a farci aprire gli occhi. Nessuno del MLNV ha poi mai detto che le Istituzioni della Repubblica Veneta debbano essere quelle del 1770, ma sicuramente di uno Stato efficente, moderno ma legato alle proprie tradizioni, alla propria cultura e che renda onore alla propria storia millenaria…Caro Albert ti invito a non sparlare per noi, non ne abbiamo bisogno e quanto ai numeri, non ti preoccupare, la nostra non è la logica di un partito e i numeri sicuramente non ci mancano… saresti stupito dallo scoprire quanto in realtà il MLNV sta ottenendo consensi. Nessuno di noi qui gioca e nessuno di noi qui è un ragazzino… siamo tutte persone adulte e vaccinate anche contro le infezioni da ambizione; la maggior parte di noi viene da esperienze di vita di cui non puoi neppure immaginare e sicuramente l’esperienza che la vita ci ha costretto a vivere, sono ottime motivazioni per riprenderci quanto ci è stato rubato come Popolo Veneto… quindi, se non te la senti, se pensi che la politica delle chiacchere sia il nostro palcoscenico, ti dico che non sai neppure con chi stai parlando… almeno abbi la decenza di essere ciò che dimostri di essere in quello che scrivi un povero sciocco neppure informato sui fatti. Poi se ci vuoi spiegare quali sono i metodi di cui parli circa la Polizia Nazionale Veneta, saremo ben lieti di comprende cosa tu ne sappia in realtà di quanto è successo e della infame attività posta in essere dalla polizia straniera italiana e dalla procura straniera italiana a Treviso… con tutto il benestare dei soliti veneti vigliacchi che hanno solo sputato sentenze prima ancora di conoscere la verità… quindi, caro Albert, smettila di sparlare di ciò che non conosci, non si sa mai, prima o poi potresti pentirti di non esserti morso la lingua… dei sofisti come te il Popolo Veneto e l’indipendenza non sanno che farsene.

            • Paolo Gallina 24 Gennaio 2012 at 12:31 pm #

              Sergio, hai notato l’inflessione tipicamente padovana che tradisce nei suoi scritti quel sedicente Albert?
              Non ti viene in mente nessun pagliaccio patentato in quel di Padova e dintorni?
              A me sì!

    • luigi bandiera 23 Gennaio 2012 at 1:49 am #

      BEE PAROE SERGIO.
      CONDIVIXE.

      Ma xe qua ke no se se capise.

      Tanti venethi, crede che el veneto sipia dei venethi.
      Ma xente studiada anka.
      Invense el veneto xe na rejon taliana.

      Podaria ciamarse Marte… ma i trinkoglioniti xe stai furbi. Proprio come i BRIGANTI.

      I gara’ pensa’ i pari kornuti: ea’ ghe xe i venethi eora demoghe el nome veneto aea nostra rejon. I mone non se incorxera’ che i xe soto de nialtri e i credara’ de esar libari. Kusi’ i paghera’el piso de stato tranquii…!!

      Veneto stato vol dir na autonomia soto el trikoglions.

      Come Valdaosta, trentin alto adige e vanti kol kristo…

      A sto ponto no se risolve un kax.

      I TALIBANI o TALIANI CIUCERA’ ANCORA..!!

      EA REJON TALIBANA O TALIANA VENETO RENDE MASA PA ASARLA LIBARA..!!

      O SETE PIAGHE O FAR MATONI, ne pi’ e ne manko del tenpo del FARAON..!!
      Ma i faremo da stato libaro… KOL KAX.

      Par karita’, sognar no xe ankora reato… quindi…

      Ma stemo tenti..!!

      Ghe xe regoe intarnaxionai feree. Fate podopo ea distrusion francexe… dixaria komuniste.

      O se xe drento o fora a no stato.

      Sicome el xe UNO E INDIVISIBIE, rikognosuo intarnaxionalmente, te devi puntar o far leva sull’AUTODETERMINASION.

      Sensa doparar ee votasion talibane o taliane.

      SOEO TRIBUNAL INTARNASIONAE… viamente kon l’apojo del popoeo. Unkuo’ el dorme e vedi ti..!

      Quando i pacioea dei armeni e de altre etnie, i venethi i diga: anka i venethi xe kome ori, MALTRATAI se non olokaustai..!!

      El prinsipio xe dureto… specie par ki xe sta anka masa in KST..!!

      Ma bastaria DESKANTARSE PA KAPIRLA..!

      Saeudis

  11. SERGIO BORTOTTO 22 Gennaio 2012 at 11:46 pm #

    Non saremo mai uniti sotto l’egida di un partito… che altreì concorre a elezioni italiane e dichiarandosi idipendentista… è la contraddizione più ardita. Un Veneto che vuole libera la propria Patria dall’occupante straniero italiano non ambirà mai ad occuparne le cariche istituzionali a qualsiasi livello perchè queste sono le careghe di istituzioni italiani che nulla hanno a che fare con quelle Venete devono essere ripristinate. Non credere ai partiti politici è il primo passo se si vuol veramente tornare liberi… e da Veneti liberi impedire poi ai partiti di rovinarci ancora una volta l’esistenza. Basta prendere in giro i Veneti, basta partiti politici… i partiti non sono l’espressione della democrazia lo è il Popolo e il Popolo Veneto può governarsi tranquillamente senza i partiti quindi estirpiamo il male alla radice. PARTITI NON GRAZIE NE’ ITALIANI NE’ PARTITI VENETI INDIPENDENTISTI… Sergio Bortotto Presidente del MLNV. http://www.mlnv.org

  12. Giuliano 22 Gennaio 2012 at 11:07 pm #

    Partiamo dalla base,dai soci a non discutere più tra di noi ma discutiamo piuttosto di cosa fare e quando farlo,nuove manifestazioni e tanti gazebo per raccogliere firme da buttare sulla scrivania di Zaia.Organizziamoci per province anzichè per org o com e tutto si risolve,un presidente ed un segretario per provincia rafforzano Veneto Stato dove oggi è meno presente,la rivalità poi sarebbe un sano stimolo a raccogliere più tesserati e firmatari.Forza che il tempo passa!!

  13. luigi bandiera 22 Gennaio 2012 at 10:52 pm #

    Si, proprio cosi’. Ci vuole DETERMINAZIONE..!

    L’italia e’ abusiva qua nella TERRA MILLENARIA VENETHA..??

    Una delegazione del popolo VENETHO deve andare dal prefetto o dalla carica piu’ alta dell’occupante a dire: signori, per favore, se volete essere rispettati e amici, non che collaboratori nostri in tante attivita’ produttive, ABBANDONATE IL TERRITORIO DELLA SERENISSIMA REPUBBLICA VENETHA..!
    La vostra presenza ci da il senso di ASMA..!!

    Non servono lotte politiche nell’interno dello stato italia.

    Se e’ abusivo va invitato ad uscire..!!

    Mi sono spiegato..??

    Non esce..??

    RIVOLTA pacifica e rispettosa al massimo: NIET SALE (cioe’ palanke).

    Serve cosa..??

    Serve chi..??

    Altrimenti:
    O FORKONI O SKIAVI O MORTE…

    Amen

  14. antonio guadagnini 22 Gennaio 2012 at 10:31 pm #

    comincio dicendo che i numeri delle “forze in campo” di VS riportati nell’articolo sono corretti; 268 a 56. il commento dei pizzatiani al congresso di Vicenza è stato: oggi a Vicenza una “frangia” di dissidenti ha fondato un partito “nazional socialista”…. a proposito di seconda guerra mondiale, mi è venuto in mente l’episodio dei giapponesi dispersi nelle varie isolette, che dopo aver perso la guerra, continuavano a combattere convinti della vittoria che avrebbe comunque arriso ai samurai del sol levante… una volta recuperati, questi valorosi samurai sono stati curati nelle strutture adeguate…
    Antonio Guadagnini, segretario VS

    • luigi bandiera 22 Gennaio 2012 at 11:16 pm #

      Caro Antonio,

      devi aspettarti di tutto dalla TALIA.
      Visto che sei il capo di VS non attacare di persona…

      Ti do questo consiglio anche se per me VS stona molto.

      Pero’ vorrei aiutare tutti i miei veri fratelli venethi.

      Te lo dico, le ho passate tutte… e vedere che altri rifanno la mia stessa strada dove io ho sbagliato, mi duole.

      Vorrei vedere anche un lembo di terra venetha libera…
      ma la vedo improbabile seguendo percorsi stile taliano.
      Vedi, io feci il SAV a suo tempo… la Talia non lo voleva…
      Mori’.

      Vedi mo i partiti o movimenti che sono contro la Talia che fine fanno: SEGNANO IL PASSO..!
      NON VANNO AVANTI…. in caso o per caso vanno indietro.

      Infatti ti spunta il nazional socialista…!

      Li taliani sono KOMUNISTI e di DX e di SX e di CENTRO.
      Leggi gli schieramenti in parlamento oggi e capirai.
      C’e’ una forza a parte come la lega nord… ma e’ inconcludente.

      Ripeto: DETERMINAZIONE E PRETENDERE IL DIRITTO LEGITTIMO IL QUALE E’ DOVUTO PER EREDITA’ ACQUISITA NEI SECOLI.

      Il MLNV sul tema e’ piu’ CONVINCENTE..!!

      E, soprattutto, NON PUO’ ESSERE ATTACCATO DA NESSUNO, DATO IL DIRITTO INTERNAZIONALE CHE LO APPOGGIA..!

      Temi un po’ complicati, beh, li complicano apposta perche’ non siano MAI presi in mano e da nessuno.

      I taliani vogliono quel che vogliono..??

      FUORI DI CASA NOSTRA POSSONO FARE IL BELLO ED IL CATTIVO TEMPO..!

      NOI, in CASA NOSTRA, senza ausilio della mafia nostra che non abbiamo, VOGLIOMO SOLO UN DIRITTO CHE E’ L’AUTODETERMINAZIONE..!!

      NON SERVE ANDARE A VOTARE..!!

      BASTA FARSI RICONOSCERE IL DIRITTO INALIENABILE DI POPOLO VENETHO..!
      POI SI VOTA PER IL GOVERNO VENETHO..!

      Ma tutti a pensare agli ebrei, ai curdi, ai ceceni, agli armeni e ecc… ma ai VENETHI CHI CI PENSA..???

      L’OLOCAUSTO VENETHO IN ATTO… KI LO DEVE DENUNCIARE..???

      I MARZIANI..??

      Va ben, tanto sono parole al vento… pazienza.

      Saeudis

  15. luigi bandiera 22 Gennaio 2012 at 8:53 pm #

    Come da sempre i venethi (no me piaxe veneti parche’ masa talian) fin che i gavea un capo i jera tuti brai e contenti. I se cognosea tra de ori e i se jutava.
    El laxaron i lo ixoeava xa ori. No servia ea miisia… el judise
    QUEA BEA STAJON DE EA SERENISIMA REPUBLIKA VENETHA DAVA EL SENSO DE LIBARTA’.
    OH, MAI MORTA EA SERENISIMA ANKA SE I STRAKANI DE TALIANI FA DE TUTO PA SKANCEAR E NOSTRE INPRONTE.
    NA INPRONTA KE SARA’ BEN DIFISIE DA SKANCEAR XE EA KAPITAE VENETHIA E TANTE ALTRE OPERE VENETHE.
    MA L’INDOE, I XE DRIO DESFARLO OBLIGANDO I NOSTRI FIOI, TOXATEI, A NDAR NEA SO SKOEA SOEA. Si, EA KST. UN LAGER PSIKOEOJIKO.
    XE NA GRANDA KRIMINAEADA. PI GRANDA DE QUEA DE ADOLFO EL MATO.
    Cio’, ju’ voea desfar i ebrei, l’italia vol DESFAR EL POPOEO VENETHO..!! Ma ko metodi SUBLIMINAI… cioe’ SKONTI, tanto ke uno, alora’ daea KST taliana o TALIBANA, xe orgoioxo de sto fato.

    Cio’, uno kol xe soto efeto del anestetiko nol sente pi’ doeor. Te pol tajarlo a toki e ju’ no se movera’ par gnente.

    La merrrrddd a tre totani xe drio far ste “opere de karita’” da ben sento e sinquanta ani.

    e i venethi..??

    I barufa tra de ori..!!

    Uno vol soeo ea rejon talibana stato e lo ciama veneto stato; che altro no vol sta monada ma naltra…
    e el stato okupante fa ndar vanti queo che ghe kava manko soranita’ a iu’.
    Par i prensipi troo pi’ vixin al DIRITO INTARNAXIONAE el movimento o progeto o sogno o quel ke voi’, soeo uno anka se par mi me se tuti sinpatisi: MLNV. Par mi niovo ma da quel ke go leto xe el pi’ visin aea me idea. Pi’ difisie da semenar tra el popoeo venetho ma pi’ intakabie.

    E me rikordo ke trenta ani fa go barufa’ quando mi semenavo sta idea: DA DRENTO NO SE KANBIA GNENTE. SE RESTA DRENTO E KOME E SOEO KOME UN VIRUS. MA EL KORPO PRINCIPAE VIVE EO STESO E PENA EL POL EL TE FA FORA.
    LEXE’ EA LEXION DEI OTO SERENISIMI.
    KONDANAI DA UN TRIBUNAL ILEGAE…
    MA KI POL DIRLO..??

    GHE VORIA NA NORIMBERGA… kanpa kavaeo…

    PENSEU VALTRI KE I TRIBUNAI SERVA AL POPOEO..???

    I ASOLVE E I KONDANA IN NOME DEL POPOEO (lexi el proceso de pi’ de domie ani fa par kapirla) PA LAVARSE E MAN. PA NO VER RESPONSABIITA’ seben i pratende PAGA ALTA par ea so responsabiita’ ke no i ga’..!

    MAI UN RE SI FARA’ UNA LEGGE KONTRO..!!
    DIKONO KE TU, ke mi leggi ora, SIA IL SOVRANO.
    DIMOSTRAMELO SE NE SEI KAPACE,
    VISTE TUTTE LE LEGGI KONTRO KE HAI..!

    Tornando al disk.
    Co ciapava fogo un pajer o na staea o na OBIA tuti a corar co e mastee de aqua pa stuar el fogo.

    E I JERA QUASI TUTI ANALFABETI COME CARLOMAGNO, GESU’ steso, E TANTI ALTRI CHE GA SEMENA’ OPERE CHE EL MONDO INVIDIA.

    Deso, cio’, i xe tuti inparai… alorai.
    Ma se voe’ vedar e opere che ne invidia el mondo GNAUNA..!! GNANKA UNA..!
    E portar mastee pa stuar el fogo… in quanti se trovarisimo unko’..??

    Forse deso calcosa ghe xe’, e fabrike EMIGRAE… e i kapanoni vodi. No serve stuar foghi parke’ no ghe xe pi’ stae e obie e pajeri. Soeo el fogo pa bruxar ea vecia.

    Ke qualke prafeto teron gavea vieta’ de inpisar.

    A sto ponto e forse, xe pi onesto el MLNV.

    Da quel che lexo quea xe ea strada principae o maestra, pa sgrafar in squaxi talian.

    Saeudi

    • luigi bandiera 22 Gennaio 2012 at 9:16 pm #

      Andare a fare inkini davanti alle istituzioni taliane o talibane non ha senso.

      La SOVRANITA’ (il popolo venetho e’ sovrano in terra sua ke non e’ la regione italiana di nome veneto) LA SI DIMOSTRA SENZA INKINARSI.

      Si fa come GANDHI.

      Salutava bene e con educazione gli occupanti, MA PRETENDEVA CHE GLI INGLESI PARTISSERO… verso casa loro.

      Kosi’ deve essere con l’occupante straniero di nome italia.

      Amen

    • Paolo Gallina 23 Gennaio 2012 at 12:53 pm #

      grazie, Luigi, dell’attestazione di stima!
      posso garantirti che unico obiettivo del MLNV è la liberazione di tutta la Patria Veneta dallo stato straniero occupante italiano, proprio perché questo è un diritto sacrosanto del Popolo Veneto! ed è un diritto che oltre ad essere un diritto naturale per tutti i Popoli sulle proprie Nazioni, è anche un diritto previsto e sancito da più parti del diritto internazionale…
      Noi del MLNV non cerchiamo e non vogliamo careghe, né posti in vista… vogliamo solo la nostra Patria Veneta libera dall’occupante!
      Sani!
      Paolo G. – MLNV http://www.mlnv.org

  16. Domenico 22 Gennaio 2012 at 7:44 pm #

    Basta fare i capponi di Renzo!! Mona!!!!!

  17. Dan 22 Gennaio 2012 at 7:34 pm #

    Quand’è che si faranno anche da voi i blocchi come in sicilia ? O è solo l’ennesimo quaquaraqua ?

  18. Piemonte Libero 22 Gennaio 2012 at 6:52 pm #

    Dal Piemonte un saluto ai fratelli di VENETO STATO! W Guadagnini, W Chiavegato…tutto il resto è noia.

  19. Tommaso 22 Gennaio 2012 at 6:20 pm #

    perfetto. per inciso, mai si è visto un partito dove i “dissidenti” sono 268 e i “canonici” appena 56. i dissidenti, per definizione, sono coloro che dissentono dalla maggioranza, quindi pizzati & co. tanto per essere chiari.

  20. Mauro 22 Gennaio 2012 at 6:17 pm #

    Basta leggere gli articoli di Busato sul sito pnveneto per capire che uniti non lo saremo mai. Però almeno saremo tanti!!! Uno come Busato non ispira fiducia neanche a un cieco!!! Meglio uniti ma senza Busato.

Trackbacks/Pingbacks

  1. NOI DICIAMO NO AI PARTITI E NO ANCHE A “VENETO STATO”… CHI E’ IL VERO NEMICO DELLA CAUSA INDIPENDENTISTA? | MLNV Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto - 23 Gennaio 2012

    [...] di Carlo MELINA, autore dell'articolo apparso sul giornale on-line L'INDIPENDENZA (http://www.lindipendenza.com/veneto-stato-uniti-si-vince/#comment-1604) c'è da rimanere allibiti. Riprendo solo da una delle assurdità apparse sul suo [...]

Lascia un commento