Please wait

ROVIGO: VENDERE LA STATUA DI GARIBALDI PER RIPIANARE I CONTI

di REDAZIONE
Il Comune è in rosso? Vendiamolo. A cominciare dalla più inutile delle sue proprietà: la statua di Garibaldi di piazza Garibaldi. Questo il ragionamento di Veneto Stato Rovigo, che, dopo il blitz in consiglio comunale contro l’approvazione del bilancio previsionale 2012, che, dovendo fare i conti con un prelievo romano di 5 milioni di euro, introduce l’IMU al 6%, cioè al massimo, in linea con l’addizionale comunale IRPEF (al massimo anche quella), si prepara a svendere le proprietà del Comune. Cioè dei cittadini.

Il metodo è quello dell’asta. Appuntamento alle 18.00 di sabato 31 marzo in piazza Garibaldi, dove, i militanti di Veneto Stato Rovigo, con l’ex candidato sindaco Mattia Giolo ed Eraldo Barcaro, batteranno i prezzi. La base di partenza non può che essere bassa, perché basso è il valore dell’opera. Ma si sa, in tempi di crisi, si vende di tutto.

Print Friendly


Nella stessa sezione:

5 Responses to “ROVIGO: VENDERE LA STATUA DI GARIBALDI PER RIPIANARE I CONTI” Subscribe

  1. Eugenio 28 Marzo 2014 at 2:51 pm #

    Essendo un Rovigoto all’estero (in LOMBARDIA ) mi coggratulo con il miei paesani W.S.M.

  2. oppio 49 14 Maggio 2012 at 10:21 pm #

    che sfiga, a Crema la statua è di cemento e vale meno di un cazzo… grandi i rovigotti

  3. Trasea Peto 31 Marzo 2012 at 3:17 pm #

    :-)
    mi mandarìa ‘a statua de l’ebete in fonderia farìa tante pignate

  4. Mauro Cella 31 Marzo 2012 at 8:33 am #

    Con quello a cui sta il rottame, ferroso e non, una fonderia che la prende la si trova senza troppi problemi.

  5. Diego Tagliabue 30 Marzo 2012 at 8:49 pm #

    Incentivo di rottamazione? Improbabile. Fuori dall’ItaGlia non la comprerebbe nessuno.

Lascia un commento